Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Canapa: all’incrocio tra natura e cultura

La genetica e l’allevamento della canapa sono di vitale importanza. La proliferazione di truffe sui semi di alto profilo – semi che producono raccolti “caldi”, di scarsa qualità o non femminizzati – illustra il punto. Uno studio pubblicato su Global Change Biology-Bioenergy conferma il ruolo che la genetica gioca nel successo di un raccolto di canapa. [ 1 ]

Gli agricoltori spesso incolpano lo stress ambientale quando le colture superano la soglia legale (0,3%) di tetraidrocannabinolo (THC). Questo ragionamento non è infondato. È stato dimostrato che lo stress ambientale modifica i livelli di THC e cannabidiolo (CBD). Tuttavia, secondo questo studio, la genetica della pianta aiuta anche a determinare la quantità di THC prodotta dalla canapa. [ 1 ]

Larry Smart , professore alla Cornell University, e il suo gruppo di ricerca hanno coltivato oltre 200 piante di canapa (14 varietà) in due diversi siti a New York, quindi hanno analizzato la loro genetica e chimica. Per inciso, uno dei luoghi ha subito uno stress da alluvione naturale durante la fioritura.

I ricercatori hanno classificato le piante femmina geneticamente in base alla loro combinazione di alleli (geni varianti) che codificano per l’acido tetraidrocannabinolico (THCA) sintasi o l’acido cannabidiolico (CBDA) sintasi ( BT e BD , rispettivamente). Gli enzimi sintasi catalizzano la formazione dei rispettivi acidi cannabinoidi (le forme acide di THC e CBD). Nello studio, le piante di canapa si sono allineate come segue:

  • Alleli dominanti THC (BT / BT): 2 piante
  • Eterozigote (BT / BD): 65 piante
  • Alleli dominanti della canapa (BD / BD): 150 piante

Le posizioni dei campi non hanno fatto una differenza significativa nel contenuto di cannabinoidi. Gli autori hanno notato che “la cultivar era il miglior predittore della concentrazione potenziale totale di cannabinoidi”. Tutte le piante BD / BD erano al di sotto della soglia dello 0,3% per delta-9-THC, ma solo il 35% delle piante eterozigoti ha superato il test. È interessante notare che solo il 39% delle piante BD / BD erano inferiori allo 0,3% di THC potenziale totale.

I ricercatori hanno scoperto che “[c] popolazioni ultivar che si pensava fossero stabilizzate per la produzione di CBD sono state trovate segregare fenotipicamente e genotipicamente”. La genetica era fortemente correlata al rapporto cannabinoidi (CBD: THC) e al THC totale. I ricercatori hanno anche ipotizzato che “le differenze nella produzione di cannabinoidi attribuite a cambiamenti nell’ambiente potrebbero in effetti essere dovute al campionamento di singole piante con alleli BT”. [ 1 ]

Quindi, con la canapa, gli agricoltori devono guardare alla natura e coltivare.

Riferimento

  1. Toth JA, et al. Sviluppo e validazione di marcatori genetici per sesso e chemiotipo cannabinoide in Cannabis sativa GCB Bioenergy. 2020; 12 (3): 213-222.

 279 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!