Canada: Vancouver pronta a diventare leader nel “Turismo della Cannabis”

A partire da luglio di quest’anno il Canada attuerà la regolamentazione della vendita di cannabis per adulti.

La città di Vancouver nella British Columbia è una delle città più dinamiche e uno dei migliori posti al mondo in cui vivere.

In questa città canadese esemplare esiste un mercato per gli agricoltori di cannabis, o come preferiscono essere chiamati, ossia produttori di “cannabis artigianale”

Bottiglie di vetro piene di boccioli di cannabis possono essere viste nelle bancarelle di questi venditori ambulanti. Il mercato è frequentato da tutti i tipi di persone che cercano di acquistare un po’ di erba per uso medico e ricreativo.

“Riceviamo tutti i tipi di persone che vengono qui”, afferma Jesse Slater, che lavora in una delle posizioni di rilievo. “Di razze diverse, credo e colore; e anche di epoche diverse “.

A partire dal mese di luglio il Canada sarà il primo paese del Gruppo G7 a legalizzare la vendita ricreativa di cannabis e, nel frattempo, nella British Columbia (BC), l’industria della cannabis nella provincia è in rapida ascesa da molti anni.

“BC è sempre stata la mecca della marijuana in Canada”, spiega Jesse, che sfoggia una folta barba, occhiali spessi e una giacca ad alta visibilità.  “Fa parte della cultura qui.”

L’industria legale in Canada, secondo la società specializzata Deloitte , avrà un valore annuale di 22.600 milioni e gran parte del settore economico è in fila per prendere parte a questa nuova “torta economica” e ciò porta alcuni giornalisti a confrontare questo fenomeno con la febbre dell’oro.

Inoltre Deloitte crede che il turismo sarà un attore importante in questa fiorente industria, anche se è già nel presente.

“I passeggeri delle crociere sono i nostri più grandi clienti durante l’estate”, afferma Bailey Chorny, una lavoratrice del Vancity Bulldog Café , dove la cannabis è venduta al pubblico ad un prezzo di $ 5.

Vancity Bulldog Café, insieme al New Amsterdam Café di fronte, sono molto simili ai “coffeeshops” olandesi.

In questi locali, che sono illegali ma tollerati dalle autorità, non è consentito fumare, sebbene attraverso un vaporizzatore i clienti possano assaporare alcune erbe.

“Una volta legalizzata la cannabis, penso che a Vancouver ci saranno molti più posti per fumatori e numerosi dispensari”, afferma Bailey. “Potremmo essere l’Amsterdam del Canada; anzi, lo siamo già. “

Ma esistono anche realtà più piccole e territoriali che si stanno sviluppando.

Farm Dispensary è negozietto di cannabis situato a pochi isolati da questi “coffeeshop canadesi”. Mitchell Flann ci lavora e crede che il turismo nella provincia canadese abbia un potenziale enorme.

“La cannabis è già una grande attrazione per il turismo”, dice. “Il turismo si espanderà ulteriormente poiché il governo lo incoraggia apertamente.”

Trovi interessante questa notizia?
62 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *