Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Ecco qualche tematica utile da considerare per quanto riguarda la Cannabis e l’Autocoltivazione per uso personale:

  • La Cannabis, in Italia, è considerata una sostanza con qualità terapeutiche;
  • La Cannabis è distribuita sotto forma di inflorescenza dall’Azienda Internazionale Bedrocan B.V. ma non è producibile dal cittadino italiano (pena: 2-6 anni);
  • La Cannabis non ha gli stessi effetti dell’alcool e del tabacco: infatti la Cannabis non può condurre a morte (non esiste dose letale), al contrario delle Droghe Legali; inoltre è molto meno pericolosa, come esposto nella classifica Lancet delle sostanze controllate.
  • In Italia, per legge, se acquisto Cannabis dal mercato nero, ingrassandolo e alimentandolo, sono sanzionabile amministrativamente con ritiro patente, segnalazione, Sert e ritiro documenti, mentre se coltivo per uso personale, contrastando il mercato nero e la criminalità organizzata, vengo sanzionato penalmente (da 2 a 6 anni di reclusione): lo Stato incita il consumatore a rivolgersi al mercato nero, favorendo le narcomafie?
  • In Italia il consumo di cannabis è depenalizzato, ma se coltivo per consumare vengo punito penalmente. Come è possibile avere cannabis, e quindi consumarla, se non la posso coltivare? Anche in questo caso lo Stato preferisce che il consumatore si rivolga alle narcomafie, tutelandone il consumo ma non l’autoproduzione?
  • In Italia manca il capo Dipartimento Politiche AntiDroga, obbligatorio per legge;
  • In Italia manca il Piano di Politiche sulle Droghe, obbligatorio per legge.
  • In Italia i consumatori di Cannabis sono circa 4,5 milioni (quelli documentati);
  • La Cannabis, come detto, ha numerose qualità terapeutiche ma viene usata solo per il 5% dei disturbi per cui potrebbe essere utile terapeuticamente: inoltre i costi elevati, sia per il SSN che per il Paziente, ne limitano l’approvvigionamento tramite strutture sanitarie ed aziende private (da 26 a 37 euro al grammo per il Bedrocan° ): autorizzando l’autoproduzione di cannabis per uso personale si potrebbero superare queste problematiche, anche avanzando la ricerca della migliore qualità genetica adatta alla terapia del paziente, abbassando i costi, migliorando gli accessi alla cura, aumentando il valore terapeutico della pianta di cannabis;
  • La Cannabis è stata studiata per non incidere sull’aumento degli incidenti alla guida, nei test di sperimentazione;
  • Nonostante le politiche proibizioniste, il numero di consumatori di cannabis è in aumento dal 2010.

Dunque come Associazione FreeWeed ci chiediamo:

Perchè non regolamentare l’autoproduzione di Cannabis per uso personale?

2 pensiero su “Perchè non regolamentare l’autoproduzione di cannabis per uso personale?”
  1. credo la risposta sia che verrebbe così tolto un monopolio delle mafie, attualmente in auge…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!